EDIC Brescia C/O Spazio Mo.Ca. - Via Moretto 78, 25122 Brescia
+39 030 7778399

Il presidente Juncker al 20° vertice UE-Cina

Il presidente della Commissione europea Juncker e il presidente del Consiglio europeo Tusk hanno rappresentato l'UE al ventesimo vertice UE-Cina.

APPROFONDIRE LA PARTNERSHIP STRATEGICA GLOBALE

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk hanno rappresentato l’Unione europea al ventesimo vertice UE-Cina svoltosi a Pechino, in Cina, il 16 luglio 2018.

La Repubblica popolare cinese era rappresentata dal premier Li Keqiang. Anche il vicepresidente della Commissione europea per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, Jyrki Katainen, la commissaria per il commercio Cecilia Malmström e il commissario per i trasporti Violeta Bulc hanno partecipato al vertice. Il presidente Tusk e il presidente Juncker hanno anche incontrato il presidente della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping.

Sono sempre stato un forte sostenitore del potenziale del partenariato UE-Cina e nel mondo di oggi la partnership è più importante che mai, la nostra cooperazione ha semplicemente senso”, ha affermato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker alla conferenza stampa successiva al Summit. “L’Europa è il principale partner commerciale della Cina. Il commercio di beni tra di noi vale più di € 1,5 miliardi ogni singolo giorno, ma sappiamo anche che possiamo fare molto di più. Ecco perché è così importante che oggi abbiamo compiuto progressi sull’accordo globale sugli investimenti attraverso un primo scambio di offerte sull’accesso al mercato e verso un accordo sulle indicazioni geografiche, il che dimostra che vogliamo creare maggiori opportunità per le persone in Cina e in Europa “.

Nella loro dichiarazione congiunta sul Vertice, l’UE e la Cina hanno confermato il loro fermo sostegno al sistema commerciale multilaterale trasparente, non discriminatorio, aperto e inclusivo, con l’OMC come nucleo e impegnato a rispettare le norme OMC esistenti. Si sono inoltre impegnati a cooperare alla riforma dell’OMC per aiutarla a far fronte alle nuove sfide. È stato inoltre istituito un gruppo di lavoro congiunto sulla riforma dell’OMC.

Occupazione e sviluppi sociali in Europa

Questo 20° Summit dimostra i molti modi in cui l’Unione Europea e la Cina stanno concretamente rafforzando quella che è già una relazione globale. Oltre alla dichiarazione congiunta, sono stati concordati numerosi altri risultati concreti, tra cui:

  • una dichiarazione dei leader sui cambiamenti climatici e sull’energia pulita;
  • uno scambio di offerte sull’Accordo globale sugli investimenti;
  • un accordo di partenariato sugli oceani;
  • un memorandum d’intesa sulla cooperazione economica circolare;
  • un memorandum d’intesa per rafforzare la cooperazione nel commercio delle emissioni;
  • un accordo per concludere prima della fine di ottobre, se possibile, i negoziati su un accordo sulle indicazioni geografiche;
  • un piano d’azione relativo alla cooperazione doganale tra Cina e UE sui diritti di proprietà intellettuale (2018-2020);
  • un memorandum d’intesa tra il Fondo europeo per gli investimenti e il Forum della via della seta che conferma il primo co-investimento effettuato nell’ambito del Co-Investment Fund Cina-UE;
  • un accordo strategico di cooperazione amministrativa e un piano d’azione (2018-2020) tra l’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) e l’amministrazione generale delle dogane della Cina.

Nella dichiarazione congiunta dei leader, e in un allegato su cambiamenti climatici ed energia pulita, l’Unione europea e la Cina si sono impegnate a intensificare la loro cooperazione verso economie a basse emissioni di gas serra e l’attuazione dell’accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici. In tal modo, l’UE e la Cina intensificheranno la loro cooperazione politica, tecnica, economica e scientifica sul cambiamento climatico e l’energia pulita.

PARTENARIATO SUGLI OCEANI

Basandosi sul successo dell’Anno blu UE-Cina del 2017, l’UE e la Cina hanno anche firmato un accordo di partenariato sugli oceani. Due delle più grandi economie oceaniche del mondo lavoreranno insieme per migliorare la governance internazionale degli oceani, anche combattendo la pesca illegale ed esplorando le potenziali opportunità commerciali e di ricerca, basate su tecnologie pulite, nell’economia marittima. La partnership contiene impegni chiari per proteggere l’ambiente marino dall’inquinamento, compresi i rifiuti di plastica; affrontare il cambiamento climatico in conformità con l’accordo di Parigi e attuare l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile (in particolare l’obiettivo 14). La firma di questa partnership è la prima del suo genere e apre le porte a futuri partenariati tra l’UE e altri attori chiave dell’oceano.
I leader hanno discusso di cooperazione estera, sicurezza e della situazione nei loro rispettivi quartieri, compresa quella nella penisola coreana; di attuazione del piano d’azione globale congiunto (l’accordo sul nucleare iraniano), della pace in Afghanistan; della situazione nell’Ucraina orientale e dell’annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli.

A margine del vertice, il presidente Juncker ha anche partecipato alla tavola rotonda UE-Cina, che ha offerto ai leader dell’UE e cinesi l’opportunità di scambiare opinioni con i rappresentanti della comunità imprenditoriale.
Ha pronunciato un discorso programmatico in cui ha affermato: “L’UE sta promuovendo il multilateralismo, intensificando le sfide globali e difendendo i nostri interessi nel mondo. Continueremo a difendere un commercio basato su regole, aperto ed equo. Andiamo avanti insieme, promuovendo la pace, la crescita e la sicurezza “.

Link utili

Leave a comment