EDIC Brescia C/O Spazio Mo.Ca. - Via Moretto 78, 25122 Brescia
+39 030 7778399

Il presidente Juncker al 25° vertice UE-Giappone

Vertice UE-Giappone: un momento fondamentale per il commercio e la cooperazione. Al venticinquesimo vertice sono stati firmati due importanti accordi.
Vertice UE-Giappone: un momento fondamentale per il commercio

Al venticinquesimo vertice UE-Giappone, che si è svolto a Tokyo in data 17 luglio 2018, sono stati firmati due importanti accordi:

  • l’Accordo di partenariato economico;
  • l’Accordo di partenariato strategico

che hanno notevolmente rafforzato le relazioni bilaterali.

Anche i negoziati sull’adeguatezza reciproca sono stati conclusi, il che significa che l’UE e il Giappone riconosceranno i rispettivi sistemi di protezione dei dati come “equivalenti”, consentendo così ai dati di fluire in modo sicuro.

L’accordo di partenariato economico tra l’UE e il Giappone è il più grande mai negoziato dall’Unione europea. Crea una zona commerciale aperta che copre oltre 600 milioni di persone e quasi un terzo del PIL globale. Eliminerà la stragrande maggioranza del miliardo di euro di dazi pagati ogni anno dalle società dell’UE che esportano in Giappone e ha portato all’eliminazione di una serie di ostacoli normativi di lunga data, ad esempio sulle autovetture. Aprirà inoltre il mercato giapponese di 127 milioni di consumatori alle principali esportazioni agricole dell’UE e aumenterà le opportunità di esportazione dell’UE in una serie di altri settori. L’accordo segue i più alti standard di tutela del lavoro, dell’ambiente e dei consumatori e ha un capitolo dedicato allo sviluppo sostenibile. È il primo accordo commerciale negoziato dall’Unione europea a includere un impegno specifico per l’accordo sul clima di Parigi.

Occupazione e sviluppi sociali in Europa

Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che insieme al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha rappresentato l’Unione europea, ha dichiarato: “Oggi è un momento storico nel duraturo partenariato economico UE-Giappone. È un momento fondamentale per il commercio globale e sono lieto che abbiamo firmato il primo accordo di partenariato strategico, che porta la nostra cooperazione al livello successivo. L’impatto dell’accordo di partenariato economico va ben oltre le nostre coste. Stiamo facendo una dichiarazione sul futuro del commercio libero ed equo, dimostrando che siamo più forti e migliori quando lavoriamo insieme, dimostrando che il commercio è più di tariffe e barriere. Per quanto ci riguarda, non c’è protezione nel protezionismo – e non può esserci unità dove c’è unilateralismo“.

Al vertice, i leader hanno anche firmato l’accordo di partenariato strategico UE-Giappone, che fornirà un quadro generale e vincolante per una cooperazione rafforzata in una serie di settori quali la criminalità informatica, la gestione delle catastrofi, l’energia e la sicurezza, i cambiamenti climatici e l’invecchiamento della popolazione.

Questo accordo, insieme al nuovo accordo di partenariato economico, porteranno il partenariato di lunga data dell’UE con il Giappone a un nuovo livello strategico, innescando notevoli vantaggi per i cittadini di entrambe le parti. Il ruolo primario dell’Accordo sarà di rafforzare la cooperazione bilaterale nelle organizzazioni e nelle sedi internazionali e regionali. Aiuterà l’UE e il Giappone a promuovere congiuntamente la pace, la stabilità e la prosperità a livello mondiale, nonché un sistema internazionale aperto. In un momento in cui l’ordine internazionale basato su regole è sottoposto a crescenti pressioni, l’accordo afferma i valori condivisi e i principi comuni che costituiscono la base del partenariato UE-Giappone, compresi i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto. Entrambe le parti riaffermano il loro rispetto per la Dichiarazione universale dei diritti umani e di tutti i trattati internazionali sui diritti umani di cui sono parti.

In materia di adeguatezza reciproca, l’accordo trovato oggi prevede un riconoscimento reciproco di un livello equivalente di protezione dei dati da parte dell’UE e del Giappone. Una volta adottato, ciò riguarderà i dati personali scambiati a fini commerciali, ma anche quelli scambiati a fini di contrasto tra le autorità dell’UE e giapponesi, garantendo che in tutti questi scambi venga applicato un livello elevato di protezione dei dati.

ULTERIORI SALVAGUARDIE

Per rispettare gli standard europei, il Giappone si è impegnato a implementare le seguenti ulteriori salvaguardie per proteggere i dati personali dei cittadini dell’UE, prima che la Commissione adotti formalmente la sua decisione sull’adeguatezza:

  • una serie di norme che forniscono agli individui nell’UE i cui dati personali sono trasferiti in Giappone, con ulteriori garanzie che colmano diverse differenze tra i due sistemi di protezione dei dati. Queste garanzie supplementari rafforzeranno, ad esempio, la protezione dei dati sensibili, le condizioni alle quali i dati dell’UE possono essere ulteriormente trasferiti dal Giappone a un altro paese terzo, l’esercizio dei diritti individuali di accesso e di rettifica. Queste regole saranno vincolanti per le società giapponesi che importano i dati dall’Unione Europea e sono applicabili dall’autorità giapponese indipendente per la protezione dei dati (PPC) e dai tribunali.
  • Un meccanismo di gestione dei reclami per indagare e risolvere i reclami degli europei in merito all’accesso ai loro dati da parte delle autorità pubbliche giapponesi. Questo nuovo meccanismo sarà amministrato e supervisionato dall’autorità di protezione dei dati indipendente giapponese.

Al vertice, i leader hanno anche affrontato questioni di politica regionale e estera, tra cui la situazione nella penisola coreana, il conflitto nell’Ucraina orientale e l’annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli, l’impegno a preservare il piano d’azione globale congiunto – l’accordo nucleare iraniano, tra gli altri. I leader hanno inoltre discusso altre questioni bilaterali, tra cui la possibilità di rafforzare il partenariato per la sicurezza UE-Giappone, una cooperazione rafforzata nei settori della politica di sviluppo e dell’istruzione, della cultura e dello sport.

Link utili

Leave a comment