EDIC Brescia C/O Spazio Mo.Ca. - Via Moretto 78, 25122 Brescia
+39 030 7778399

Piano Juncker: investimenti strategici fino al 2020

Piano Juncker: dovrebbe aumentare il PIL dell'UE dell'1,3% e creare 1,4 milioni di posti di lavoro, generando investimenti per 335 miliardi di euro.
Il piano Juncker dovrebbe aumentare il PIL dell’UE dell’1,3% e creare 1,4 milioni di posti di lavoro entro il 2020, generando investimenti per 335 miliardi di euro nei 28 Stati membri dell’UE.

La Commissione europea e il gruppo della Banca europea per gli investimenti (BEI) hanno promesso di mobilitare 315 miliardi di euro di investimenti supplementari nell’ambito del piano di investimenti per l’Europa, il piano Juncker. Il piano Juncker è stato lanciato a novembre 2014 per invertire la tendenza al ribasso dei bassi livelli di investimento e portare l’Europa sulla via della ripresa economica.

Con il sostegno di una garanzia di bilancio dell’Unione europea e delle risorse proprie del gruppo BEI, sono state approvate 898 operazioni, che dovrebbero generare investimenti per 335 miliardi di euro nei 28 Stati membri dell’UE. Questo è più dell’obiettivo originale di 315 miliardi di euro fissato nel 2015 quando è stato lanciato il FEIS, contribuendo a colmare il divario di investimenti rimasto a causa della crisi finanziaria ed economica. 700.000 piccole e medie imprese beneficeranno di un migliore accesso ai finanziamenti. Visto il successo del FEIS, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo hanno concordato l’anno scorso di estendere la sua durata e capacità a 500 miliardi di euro entro la fine del 2020.

Il presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: “Il piano Juncker si è rivelato un successo. Abbiamo superato l’obiettivo di investimento di 315 miliardi di euro e il Fondo europeo per gli investimenti strategici creerà 1,4 milioni di posti di lavoro e aumenterà il PIL dell’UE dell’1,3% entro il 2020 Abbiamo finanziato progetti che senza il FEIS non sarebbero stati possibili, e tutti senza creare nuovo debito: due terzi degli investimenti provengono dal settore privato. Dal finanziamento della formazione professionale per i rifugiati in Finlandia alle energie rinnovabili in Grecia all’agricoltura Bulgaria: continueremo a utilizzare il bilancio dell’UE per ciò che sa fare meglio: catalizzare la crescita”.

Occupazione e sviluppi sociali in Europa

In termini di posti di lavoro e crescita, il dipartimento Economia della BEI e il Centro comune di ricerca (CCR) della Commissione stimano che le operazioni del FEIS hanno già sostenuto più di 750.000 posti di lavoro con una cifra destinata a 1,4 milioni di posti di lavoro entro il 2020 rispetto allo scenario di base. Inoltre, i calcoli mostrano che il piano Juncker ha già aumentato il PIL dell’UE dello 0,6% ed è destinato ad aumentare il PIL dell’UE dell’1,3% entro il 2020. Due terzi dei 335 miliardi di euro raccolti provengono da risorse private, il che significa che il FEIS ha anche raggiunto il suo obiettivo di mobilitare investimenti privati. Misurato rispetto alle dimensioni dell’economia, l’impatto maggiore è nei paesi che sono stati duramente colpiti dalla crisi, ovvero Cipro, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna. Sebbene l’impatto degli investimenti diretti sia particolarmente elevato in quei paesi, i calcoli hanno rilevato che le regioni di coesione (per lo più paesi dell’Europa orientale) potrebbero beneficiare maggiormente di un effetto a lungo termine.

CASO ANTITRUST

La Commissione europea ha multato Google 4,34 miliardi di euro per aver violato le norme antitrust dell’UE.

Dal 2011, Google ha imposto restrizioni illegali ai produttori di dispositivi Android e agli operatori di rete mobile per consolidare la sua posizione dominante nella ricerca generale su Internet. Google deve ora portare a termine la condotta in modo efficace entro 90 giorni o affrontare penali fino al 5% del fatturato medio giornaliero giornaliero di Alphabet, società madre di Google.

La Commissione registra due iniziative dei cittadini europei Il collegio dei commissari ha deciso oggi di registrare due iniziative dei cittadini europei. 

Il primo, intitolato “Cittadinanza permanente dell’Unione europea”, intende garantire che la cittadinanza europea ei suoi diritti associati non possano essere persi una volta raggiunti. Gli organizzatori citano in particolare il contesto della Brexit e la futura perdita della cittadinanza e dei diritti dell’UE da parte dei cittadini britannici. La registrazione di questa iniziativa avrà luogo il 23 luglio 2018.

La seconda iniziativa è intitolata “Fermare la fame per l’8% della popolazione europea”. Gli obiettivi dichiarati includono “sollecitare i governi ad accettare il problema della fame” e “enfatizzare la responsabilità dei governi di sradicare il problema”. Gli organizzatori hanno presentato un elenco dettagliato di azioni in cui chiedono alla Commissione di presentare proposte legislative. La registrazione di questa iniziativa avrà luogo il 19 luglio.

La decisione della Commissione di registrare queste iniziative riguarda solo l’ammissibilità giuridica della proposta. La Commissione non ha analizzato la sostanza in questa fase. Qualora le iniziative ricevessero un milione di dichiarazioni di sostegno entro un anno, da almeno sette diversi Stati membri, la Commissione dovrà reagire entro tre mesi.

Negoziati dell’articolo 50 con il Regno Unito

Michel Barnier, il principale negoziatore della Commissione europea per i negoziati sull’articolo 50, ha informato il collegio dei commissari sull’ultimo stato di avanzamento dei negoziati con il Regno Unito. Ha informato il Collegio che è in corso una tornata di negoziati e che incontrerà il nuovo Segretario di Stato per l’uscita dall’UE, Dominic Raab, domani pomeriggio.

 

 

Link utili

Fonti originali:

https://ec.europa.eu

Leave a comment